Sacche idratazione per ciclismo: migliori prodotti di Aprile 2021, prezzi, recensioni

Per risolvere i problemi legati a una gestione poco pratica delle borracce da utilizzare durante l’attività di ciclismo, sono state inventate le sacche idratazione per ciclismo.

Comode, pratiche e leggere, queste sacche vi permetteranno di potervi idratare in maniera molto più semplice, senza dovere diminuire la velocità o interrompere la pedalata.

In questa guida si risponderà a molte domande relative alle sacche idratazione per ciclismo.

L’importanza di idratarsi durante un’attività fisica e il ruolo delle sacche idratazione per ciclismo

Durante qualsiasi tipo di attività fisica, è importantissimo idratatasi quando se ne se sente il bisogno, e in alcuni casi anticipare questo bisogno, in modo da mantenere efficienti i muscoli.

Questa necessità è avvertita soprattutto in uno sport come il ciclismo, in quanto è molto impegnativa e faticosa.

Bere a piccoli sorsi e frequentemente, è il primo consiglio che vi viene dato nel momento in cui decidete di intraprendere questo sport.

Quando avvertite il bisogno di bere, vuol dire che vi state già disidratando e anche cono con una percentuale del 2% di disidratazione, le vostre performance, sia fisiche che mentali, ne sono già compromesse.

In questi casi, avvertite un irrigidimento dei muscoli e una minore concentrazione, che incidono sulla vostra prestazione.

Ma perché avete aspettato così tanto, per reidratarvi? Forse perché eravate in velocità e non volevate rallentare o fermarvi? Oppure perché stavate attraversando un terreno impervio e non vi sentivate al sicuro per prendere la vostra borraccia.

Quando siate in bicicletta, infatti, anche un gesto molto semplice può diventare difficoltoso, e togliere la mano dal manubrio non è sempre così semplice.

E allora cosa fare? Accettare di tornare spesso a casa con l’insoddisfazione di non aver eseguito un percorso performante, o trovare altre soluzioni per poter idratarvi senza difficoltà al momento giusto?

Per ovviare a questo problema, sono nate le sacche idratazione per ciclismo.

Cosa sono le sacche idratazione per ciclismo

Prodotte circa 30 anni fa, le sacche idratazione per ciclismo sono oggi molto utilizzate da chi pratica questa attività sportiva.

Sono delle vere e proprie sacche (simili a quelle di una flebo, per intenderci, ma molto più belle esteticamente!), generalmente realizzate in poliuretano.

Hanno un tappo o una vite con chiusura ermetica e vengono riposte nello zaino, mentre i tubicini stanno liberamente fuori da esso.

Solitamente, i tubicini vengono ancorati agli spallacci dello zaino, in modo da averli a portata di bocca, così da raggiungerli facilmente per bere.

Sulla parte finale del tubo, è presente una valvola che vi permetterà di premerla con i denti o con le labbra e, semplicemente aspirando, riuscirete a idratarvi, senza nemmeno utilizzare le mani.

Inutile dire che, essendo le vostre mani ben ancorate sul manubrio, non correrete alcun rischio se state attraversando una strada sterrata o un terreno con forte pendenza, solo per fare degli esempi.

Basterà, alla fine, aprire la bocca per rilasciare il tubicino, la cui valvola si chiuderà senza permettere al liquido di fuoriuscire.

Come gestire la pulizia di una sacca idratazione per ciclismo

In commercio esistono sacche idratazione per ciclismo che hanno una tecnologia antibatterica che inibisce lo sviluppo di germi e batteri.

Se non è presente tale tecnologia, la sacca idratazione ha bisogno di essere pulita spesso e a fondo per scongiurare questo pericolo, come del resto qualsiasi altro tipo di contenitore per l’acqua, come una borraccia o una bottiglietta.

Diciamo anche che, in una sacca idratazione per ciclismo, al contrario di quanti molti pensano, è possibile inserire anche integratori o liquidi differenti.

Per non far sì che si sviluppino odori o che la il materiale con cui sono composte sbiadisca troppo presto, però, anche in questo caso è necessaria una buona pulizia dopo ogni utilizzo.

Dopo ogni uscita, quindi, la sacca idratazione andrà lavata con acqua e detergente delicato e, soprattutto, asciugata bene.

Dopo averla lavata, appendetela con l’apertura rivolta verso il basso e con il tappo non chiuso.

Qualcuno, dopo averla lavata e asciugata, la conserva in frigo, per evitare che si formino muffe e odori.

Se vedete che si formano delle muffe – conseguenza di una pulizia non corretta – basterà lavarla con dell’acqua calda e del bicarbonato, che ha notoriamente un’azione antibatterica.

Riempite la sacca idratazione con questa soluzione e lasciatela agire per circa 30 minuti.

Passato questo tempo, lavatela con acqua e sapone delicato, sciacquatela con acqua abbondante e poi lasciatela asciugare bene.

Sul mercato esistono anche dei kit per la pulizia delle sacche idratazione per ciclismo, che comprendono spazzole flessibili di diverse dimensioni, per pulire efficacemente anche il tubo all’interno.

Se procederete con una corretta manutenzione, le vostre sacche per idratazione dureranno a lungo e non avranno bisogno di essere sostituite presto.

Quanto costa una sacca idratazione per ciclismo

I prezzi delle sacche idratazione per ciclismo sono abbastanza accessibili a tutti e variano in base alla loro capacità e ai materiali utilizzati.

In generale, i costi vanno da un minimo di 10 euro a un massimo di circa 40 euro per quelle utilizzano la tecnologia antibatterica.

Scrittrice, blogger, ghostwriter, web content writer con la passione per il ciclismo. “Spingi e respira” è il mio motto sia nello sport che nella vita.

Back to top
menu
Tuttoperilciclismo