Pantaloncini per ciclismo ad asciugatura rapida: migliori prodotti di Aprile 2021, prezzi, recensioni

Una delle situazioni più fastidiose in cui possa trovarsi un ciclista, è quella di pedalare con un pantaloncino inzuppato di sudore.

Oltre al disagio, il sudore può provocare irritazioni e infezioni alle parti intime più o meno importanti.

Per evitare tutto questo, in commercio trovate pantaloncini per ciclismo ad asciugatura rapida.

Come sono fatti e perché è importante indossarli?

Ve lo spiegherò in questa guida.

Perché scegliere pantaloncini per ciclismo ad asciugatura rapida

Quando si parla di abbigliamento per ciclismo, lo si fa sapendo che tutti i capi progettati per questa attività rispondono a delle specifiche esigenze.

È così anche per i pantaloncini per ciclismo ad asciugatura rapida, che non permettono al sudore di rimanere sulla vostra pelle.

Il sudore, infatti, è il vostro peggiore nemico in bike, sia perché abbassa il livello delle performance e vi crea disagio, sia perché può provocare dermatiti e infezioni.

Molti di voi che state leggendo questa guida, probabilmente fino adesso avrete usato dei capi di abbigliamento in cotone, per montare in sella.

Ebbene: il così tanto elogiato cotone, pur se rimane sempre il tessuto da privilegiare nella vita quotidiana, non è adatto per attività sportive come il ciclismo.

Le fibre naturali come il cotone o la lana, infatti, pur essendo molto traspirabili, trattengono il sudore e non lo fanno asciugare.

Di conseguenza, questo rimane sulla vostra pelle, con le conseguenze spiegate poco sopra.

E allora perché sono le fibre più consigliate per i bambini, che hanno la pelle ancora più sensibile? Vi starete chiedendo a questo punto…

Innanzitutto, perché pur sudando molto, i bambini non arrivano a produrre le stesse quantità di sudore di un ciclista.

E poi perché, quando un bambino suda e i capi si inzuppano, vengono presto controllati e cambiati dai genitori.

Voi vi trovate, invece, con un pantaloncino indossato per chilometri e ore, che produce continuamente sudore e si aggiunge a quello non asciugato.

Non è una bella cosa, ammettetelo!

Come sono fatti

Rispetto a quelli in cotone, i pantaloncini per ciclismo ad asciugatura rapida sono realizzati in fibre sintetiche.

Le fibre sintetiche più utilizzate sono la poliammide, il poliestere, il polipropilene, il nylon e l’elastan, quest’ultimo chiamato a dare elasticità al tessuto.

Le fibre sintetiche non permettono al sudore di ristagnare sulla vostra pelle, perché asciugano molto in fretta.

Tra l’altro, consentono di avere a disposizione dei tessuti tecnici, che si adattano perfettamente a diverse condizioni climatiche.

In estate, i pantaloncini da ciclismo in fibre sintetiche vi donano freschezza, mentre in inverno vi proteggono dal freddo.

Ovviamente, nel secondo caso non stiamo parlando di una schermatura totale dalle temperature più rigide, ma fanno il loro dovere.

In alcuni casi, per dare maggiore morbidezza ai pantaloncini per ciclismo ad asciugatura rapida, alle fibre sintetiche vengono aggiunte piccole percentuali di cotone o di lana.

Con questo tipo di pantaloncini, potrete dire addio ai fastidi e ai bruciori fino adesso avvertiti nelle zone intime, causati da un continuo loro surriscaldamento e sfregamento.

Il fondello

Tutti i pantaloncini per ciclismo ad asciugatura rapida hanno un’imbottitura che serve a proteggere le zone intime dal contatto continuo con la sella.

Questa imbottitura si chiama fondello e ha una forma che segue l’anatomia delle parti intime.

Ovviamente, essendo l’uomo e la donna anatomicamente differenti, in commercio trovate pantaloncini per ciclismo con fondelli adatti all’uno o all’altro.

Il fondello è realizzato in gel o in schiuma con memory foam, che si adatta perfettamente al vostro corpo.

I fondelli sono cuciti direttamente sul cavallo del pantaloncino per ciclismo. Alcuni sono estraibili e possono essere cambiati quando si usurano, senza dover comprare nuovamente tutto il pantaloncino.

Proprio per questo, in commercio esistono anche fondelli venduti singolarmente.

L’imbottitura in schiuma o gel è anch’essa rivestita da una protezione in tessuto sintetico, che asciuga molto in fretta.

Il pantaloncino per ciclismo ad asciugatura rapida va indossato senza slip, in modo da garantire la massima protezione.

Se usate un paio di slip in cotone, del resto, continuate a permettere che il sudore rimanga sulle vostre parti intime, agevolando la proliferazione batterica.

Se proprio non riuscite a rinunciarvi, almeno usate dell’intimo per il ciclismo, anche questo realizzato in fibre sintetiche.

Il lavaggio

Ma i vantaggi di avere dei pantaloncini per ciclismo ad asciugatura rapida non si fermano qui.

Sì, perché la loro caratteristica di asciugare molto in fretta, la ritrovate molto utile anche quando li lavate, in quanto asciugano davvero in pochissimo tempo e sono pronti per essere indossati nuovamente!

Considerando che, il pantaloncino da ciclismo e il fondello, vanno lavati dopo ogni uscita, questo è un gran bel vantaggio.

Soprattutto per chi la bici la usa ogni giorno per necessità o per lavoro, e non può permettersi lunghe attese per l’asciugatura del capo principale da indossare in bike!

Per quanto riguarda il lavaggio, potete lavare i pantaloncini per ciclismo sia a mano che in lavatrice, a una temperatura di massimo 30°.

Non usate detergenti aggressivi e ammorbidente, e non impostate centrifuga o asciugatrice.

Una volta lavati, stendeteli possibilmente in orizzontale, in modo che, con il tempo, le fibre non cedano.

Solo dopo mezz’ora, massimo un’ora (in inverno), potrete indossare nuovamente i vostri pantaloncini!

Quanto costano questi pantaloncini?

In commercio trovate pantaloncini per ciclismo ad asciugatura rapida anche a 3/4 o a tutta gamba.

Se dovete indossarlo sotto l’abbigliamento quotidiano, perché usate la bici per lavoro, è consigliabile prendere quelli corti, che hanno un costo che si aggira intorno ai 25 euro.

Per le donne, esistono anche le culotte con fondello, che costano intorno alle 15 euro, ma indossatele solo sotto i pantaloni, perché sotto le gonne potreste rischiare fastidiosi sfregamenti alle cosce.

I fondelli intercambiabili, possono esservi utili se usate la bici per andare in ufficio.

In questo caso, potete levarlo appena arrivati e rimetterlo prima di rimontare in sella.

Trovate fondelli di fascia medio-bassa che costano intorno ai 15 euro e quelli di fascia alta che raggiungono anche i 30 euro.

Scrittrice, blogger, ghostwriter, web content writer con la passione per il ciclismo. “Spingi e respira” è il mio motto sia nello sport che nella vita.

Back to top
menu
Tuttoperilciclismo