Biciclette elettriche: migliori prodotti di Settembre 2021, prezzi, recensioni

Il traffico cittadino sempre più caotico, mezzi di trasporto affollati e spesso in ritardo o con orari che non coincidono con i vostri, abbonamenti e ticket da rinnovare e timbrare, stress da parcheggio e costi carburante.

Non ce la fate più a combattere con tutte queste noie e state cercando una soluzione alternativa per muovervi in città.

In questo caso, vi potrebbe essere molto utile la scelta di una bicicletta elettrica, una soluzione che sempre più persone stanno adottando, con grande soddisfazione.

In questa guida vi verranno fornite tutte le informazioni utili per scegliere la bicicletta elettrica più adatta alle vostre esigenze.

Perché scegliere le biciclette elettriche

Facili da guidare e da parcheggiare, oltre che rispettose dell’ambiente, le biciclette elettriche vi permetteranno di muovervi agevolmente nel traffico cittadino.

Non avrete più bisogno di fermarvi a fare benzina o di fare il giro dello stesso isolato 45 volte, prima di trovare un parcheggio per la vostra auto.

Non pagherete più abbonamenti per metro o bus, né timbrerete ticket.

Insomma, le biciclette elettriche o city bike, vi daranno una serie di vantaggi che non potete negare.

E nei giorni dell’anno in cui non è possibile utilizzarle a causa di avverse condizioni meteo? Tornate ai soliti mezzi di trasporto che usavate.

Ma volete mettere lo stress si tutti i giorni con una tantum durante l’anno? Rifletteteci.

Tipologie e modelli di biciclette elettriche

In commercio ci sono 3 categorie principali di biciclette elettriche: biciclette elettriche classiche, pieghevoli e ibride.

Vediamole nel dettaglio.

Bicicletta elettrica classica

È la classica bicicletta da passeggio che monta un portapacchi e ha una seduta molto comoda, che permette alla schiena di stare dritta e ai gomiti di essere rilassati.

Monta ruote da 28″ ed è molto utilizzata dalle donne e da chi attraversa percorsi abbastanza brevi e non particolarmente difficili.

Bicicletta elettrica pieghevole

Talvolta, il tragitto che si deve affrontare per arrivare sul luogo di lavoro, è troppo distante per essere raggiunto con una bicicletta elettrica.

Spesso lo si potrebbe anche fare, ma si deve fare i conti con i tempi, che potrebbero essere non rispettati.

La metropolitana o il treno, quindi, non possono essere evitati, ma arrivare alle stazioni e raggiungere l’ufficio una volta scesi dal mezzo, potrebbe essere stancante e difficoltoso.

In questo caso, potreste prendere in considerazione una bicicletta elettrica pieghevole, in modo da utilizzarla al bisogno e piegarla per trasportarla sui mezzi, quando non potete più usarla.

Bicicletta elettrica ibrida

È un tipo di bicicletta elettrica versatile, che può essere usata sia per percorsi cittadini che a scopi più ricreativi.

Come scegliere una bicicletta elettrica

Quando vi trovate a scegliere la bicicletta elettrica migliore per voi, dovete valutare alcune sue caratteristiche in base anche alle vostre esigenze.

In particolare, dovrete prestare attenzione a:

  • Lo scatto

Scatto fisso o a trasmissione? Tra le due scelte, sarebbe preferibile quello a trasmissione, che può permettervi di muovervi a velocità più elevate o ridotte, in base al tipo di spostamento.

Ancora meglio se la trasmissione è integrata anche nel mozzo, in modo da poter cambiare scatto anche da fermi.

  • I freni

I freni a disco o idraulici sono sempre da preferire ai classici V-Brake, visto la pesantezza del mezzo.

Questi, hanno una maggiore capacità di frenata, soprattutto in caso di pioggia.

  • L’illuminazione

Scegliete bici elettriche con un buon sistema di illuminazione, soprattutto se sapete di usare il mezzo anche nelle ore di buio.

  • Gli ammortizzatori

Una buona bicicletta elettrica deve avere un’ammortizzazione completa, possibilmente presente anche nella forcella anteriore, affiancata da un’ulteriore reggisella ammortizzato.

  • Gli pneumatici

Gli pneumatici dovrebbero avere una larghezza sopra i 1,5 pollici.

È vero che appesantiscono maggiormente il mezzo, ma è anche vero che, nonostante il peso maggiore, è più garantita la sicurezza alla guida e donano maggiore comfort alla guida.

  • Il motore

Una potenza del motore per biciclette elettriche pari a 250 Watt è sufficiente per affrontare rampe e salite importanti fino a una velocità di 25 km orari.

Un massimo di 250 W di potenza del motore e il limite di 25 km/h presi a esempio, sono i vincoli che la legge impone per le biciclette elettriche con pedalata assistita.

Il motore di una bicicletta elettrica può essere posizionato anteriormente, posteriormente o al centro.

Le biciclette elettriche con motore anteriore sono le più economiche e offrono una guida gratificante.

Quelle in cui il motore è sul mozzo posteriore beneficiano di una trasmissione diretta della potenza e di un recupero di energia, ma il carico viene spostato completamente sul retrotreno.

Infine, il motore centrale è il più raro, ma è sempre da preferire, in quanto rende la guida più stabile e confortevole rispetto ad altri tipi di posizionamenti.

  • La batteria

La batteria di una bicicletta elettrica può avere valori che vanno dai 200 ai 600 W.

Chiaramente, più è alto il wattaggio, più è grande la batteria e, di conseguenza, maggiore sarà il peso del vettore.

La scelta del wattaggio dipende molto dall’utilizzo che dovete fare della vostra bicicletta elettrica.

Se la utilizzate la bicicletta elettrica solo per percorrere il tragitto casa/lavoro, può bastarvi un’autonomia di circa 20 km, che poi è quella che assicurano la maggior parte dei modelli in commercio.

Considerate comunque che l’autonomia di una batteria cambia anche in base alla capacità, al vostro peso, al tipo di percorso e ai cicli della sua ricarica.

  • La tipologia di assistenza

Le biciclette elettriche hanno principalmente due tipologie di assistenza grazie al sensore di potenza/sforzo e a quello di pedalata.

Le biciclette elettriche con sensore di potenza/sforzo vi permettono di azionare il motore grazie a una piccola pressione sul pedale.

Ciò vuol dire che, un sistema del genere, vi rende più facili le ripartenze.

Questa caratteristica non è presente nei modelli di e-bike con sensore di pedalata, in cui è previsto un arco di rotazione, prima che venga erogata la potenza.

In questo caso le ripartenze sono più difficoltose ma, di contro, di positivo c’è che questa soluzione è meno logorante per il motore, che subisce uno stress minore.

  • Il peso

Il problema si pone soprattutto per quanto riguarda le bici pieghevoli, perché sarebbe troppo difficoltoso trasportarle sui mezzi, se hanno un peso eccessivo.

Se la vostra scelta è una bicicletta elettrica pieghevole, assicuratevi che non superi i 20 kg.

  • La taglia

Se sapete di utilizzare molto la bicicletta elettrica e non solo per lavoro ma anche per le vostre escursioni, assicuratevi che sia il più comoda possibile e che si adatti bene alla vostra stazza.

Le misure da prendere per capire se una bicicletta elettrica corrisponde al vostro tipo di costituzione sono:

– la distanza sella-manubrio;

– la misura del tubo sella;

– la larghezza del manubrio;

– la lunghezza generale della bicicletta.

Tutte queste misure possono essere consultate negli schemi delle schede prodotto relative alle geometrie del telaio.

Gestione della bici elettrica tramite computer di bordo e app

Sia le bici elettriche più costose che quelle più economiche, sono in possesso di un computer di bordo, che può essere gestito da un display o con una semplice pulsantiera.

Nei modelli di bassa e media gamma, il computer di bordo permette di azionare la bicicletta elettrica, visualizzare lo stato della batteria, accendere le luci e regolare l’assistenza.

Nei modelli di alta gamma e più evoluti, vi permettono anche di calcolare i chilometri residui, la velocità e la distanza che avete percorso.

Alcune e-bike hanno anche un’app associata dalla quale potrete gestire anche altri parametri, come ad esempio la geolocalizzazione e il sistema di antifurto.

Quanto costa una bicicletta elettrica

Capite bene che, poiché le variabili nella scelta di una bicicletta elettrica sono tante, i prezzi cambiano a seconda del modello scelto.

In generale, possiamo dire che i prezzi partono da un minimo di circa 700 euro per arrivare a un massimo di 3000 euro.

Scrittrice, blogger, ghostwriter, web content writer con la passione per il ciclismo. “Spingi e respira” è il mio motto sia nello sport che nella vita.

Back to top
menu
Tuttoperilciclismo